Dialogo su due modi d'intendere la scienza | Fondazione Allineare Sanità e Salute
4527
post-template-default,single,single-post,postid-4527,single-format-standard,theme-bridge,bridge-core-2.0.5,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,hide_top_bar_on_mobile_header,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-19.2.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive

Dialogo su due modi d’intendere la scienza

Dialogo su due modi d’intendere la scienza

La distinzione tra scienza (“quel che pensa la maggioranza degli scienziati” o la cosiddetta “comunità scientifica”) e pseudoscienza (che mette in discussione alcune affermazioni e modi di pensare oggi in voga) non trova fondamento nella filosofia della scienza contemporanea.

La scienza, libera da interessi e pressioni, potrà risolvere i problemi non con esclusioni a priori da parte degli scienziati numericamente prevalenti in un certo periodo, ma basandosi sulla ricerca osservazionale e sperimentale, fatta da validi metodi d’indagine e analisi, meticolosa raccolta dei risultati e comunicazione libera e trasparente delle conclusioni. Con apertura a rivedere le attuali convinzioni e paradigmi se nuove osservazioni mettono in discussione o ampliano le conoscenze precedenti.

Ciò trova anche riscontro nell’art. 33 della Costituzione, e implica che un dibattito fondato sull’accettazione del metodo scientifico non può essere soppresso.